giovedì 27 febbraio 2014

Da domani sarò triste. Oggi no


Da domani sarò triste, da domani.
Ma oggi sarò contento.
A che serve essere tristi, a che serve?
Perché soffia un vento cattivo?
Perché dovrei dolermi oggi del domani?
Forse il domani è buono
Forse il domani è chiaro.
Forse domani splenderà ancora il sole
E non vi sarà motivo di tristezza.
Da domani sarò triste, da domani.
Ma oggi, oggi sarò contento.
e ogni amaro giorno dirò:
“Da domani sarò triste. Oggi no”

Scritta di un ragazzo ebreo sul muro del ghetto di Varsavia nel 1941
(Samata)

Nessun commento:

Posta un commento