mercoledì 17 settembre 2014

bello o brutto ...sempre pietre prenderai!

Oggi la lettura ci conduce sul sentiero dell'ottusità ..." non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire" potremmo riassumere. O, come dicevano le parole di una famosa canzone degli anni '60: " Se sei bello ti tirano le pietre, se sei brutto ti tirano le pietre...qualunque cosa fai ...sempre pietre ...prenderai".
I segnali per comprendere ci sono: i profeti, Gesù, ma soprattutto la nostra coscienza ci hanno da sempre indicato la via da seguire. Il discernimento tra il Bene edil Male è intrinseco nell'essere umano, poichè ci sono degli aspetti dell'agire che rientrano in quell' " inconscio collettivo" di junghiana memoria. Non possiamo trincerarci dietro all'apparenza, non possiamo disconoscere un messaggio solamente perchè chi lo trasmette non corrisponde ai nostri canoni. Giovanni il Battista digiunava, era un asceta e il suo messaggio non fu accettato da molti. Gesù, al contrario, mangiava e beveva e....stessa sorte toccò a lui.
Allora, il problema, forse, non è di chi dice cosa, ma il messaggio in sè.
Conclude il brano, la frase ( per certi versi enigmatica) che comunque le genti riconoscevano la Sapienza in loro ( Giovanni e Gesù).
Ma....cosa c'entra?
Nel mondo cattolico, anglicano e protestante in generale, la Sapienza è uno dei sette doni dello Spirito Santo, ovvero è il dono che permette la comprensione della realtà soprannaturale. Ne discende un altro dono: la carità. Qualità imprescindibile di Dio. Ecco, allora, che potremmo leggere l'ultima frase come il fatto che la gente sapeva, nel proprio cuore, che questi due Uomini avevano la capacità di interpretare la realtà andando oltre le dottrine, le leggi umane, con una coscienza risvegliata, tenedente ad un bene supremo, divino. E proprio questa consapevolezza turbava la gente comune. Il Battista e Gesù, in comunione con Dio, volevano svegliare, far crescere gli esseri umani, accmpagnarli oltre ....distruggere le false credenze, le inutili certezze, per essere sempre più simili a quella scintilla divina che alberga nel cuore degli esseri umani.
Un abbraccio

1 commento:

  1. Da noi si dice che se fai bene o male, tanto la gente avrà sempre qualcosa da dire. Non siamo mai contenti, sempre insoddisfatti di qualcosa. Perchè nn proviamo, oggi a concentrarci su quanto il Signore ci ha donato, a pensare a tutti i doni che abbiamo ricevuto, alle cose belle che abbiamo vissute. Forse è proprio il nostro sguardo a dover cambiare, non l'opera di Dio!

    RispondiElimina