martedì 30 settembre 2014

Obsolescenza programmata

L’obsolescenza programmata è uno dei motori dello spreco. Specie all’interno dell’economia domestica, perché grazie alla capacità di programmare elettrodomestici in modo da ridurne il ciclo di vita, si costringono i consumatori ad acquistare nuovi oggetti e nuovi prodotti. Tutto dura meno. O meglio: tutto deve durare meno, per vendere di più, anche quando non serve.Una lavatrice, per esempio, potrebbe durare trent’anni, ma grazie all’obsolescenza programmata dopo quattro-cinque anni è da sostituire.
Per contrastare quello che viene definita come “una truffa al consumatore” adesso in Francia si passa alle manieri forti, e il governo, all’interno della legge per il risparmio energetico, ha deciso di introdurre pene pesanti per chi bara al tavolo della produzione di elettrodomestici. Carcere fino a due anni e 300mila € di multa per chi “accorcia intenzionalmente” la vita di un prodotto elettrico ed elettronico. I furbi sono avvisati.

Finalmente una legge a favore del consumatore/cittadino ma naturalmente non in Italia!

Nessun commento:

Posta un commento