martedì 28 ottobre 2014

Una piccola grande emozione

Questa mattina mi son trovata a lavorare accanto ad Hanene, una ragazza tunisina che trascorrerà 3 mesi nel mio laboratorio per uno scambio culturale. Mi ha parlato dei suoi connazionali che scappano dalla loro terra con l'illusione che l'Italia sia un paradiso e dei jadhisti, uomini ignorante pedina nella mani degli interessi di politici corrotti e avidi di denaro. Le ho raccontato della Comunità, dell'eucarestia di domenica scorsa, condivisa con un ragazzo musulmano che ha recitato una sura in arabo e della parola "amen" presente nella preghiera cristiana come in quella musulmana.
Non è stato facile capirsi in inglese, nè io nè lei lo parliamo perfettamente ma che gioia ascoltare il suo "sure" (traduzione: "sicuro") quando lo invitata per il prossimo incontro del 30 Novembre. Che bella emozione.

Nessun commento:

Posta un commento