sabato 6 dicembre 2014

"Fare sesso fuori dalle regole non è peccato, anche noi preti facciamo queste cose"


"Sesso fuori dalle regole? Non è peccato": così don Gino Rigoldi, cappellano del carcere minorile Beccaria, fresco di laurea honoris causa (insieme a don Virginio Colmegna della Caritas e a don Luigi Ciotti del gruppo Abele e di Libera), parlando in aula magna alla Statale davanti a una folta platea.
Don Rigoldi ha affermato che "se un giovane mi dice che domenica non è andato a messa, o ha fatto sesso fuori dalle regole, o ha visto qualche film strano in tv, si tratta di cattivi comportamenti, ma non di peccati: non tradiscono il Vangelo". Parole che, certamente, faranno discutere.
"Dio non s'incazza per queste piccolezze", ha argomentato, "e a volte anche noi preti facciamo queste cose qui". Quindi l'appello al pontefice: "Va cambiato il sacramento della confessione".
A margine della cerimonia, il sacerdote ha parlato anche di periferie e case popolari, tema all'ordine del giorno a Milano. "Ciò che non si cura, degenera", ha commentato. "Il rischio che le periferie milanesi esplodano", ha aggiunto, "c'è se nessuno ci guarda dentro, se nessuno va ad ascoltare e proporre un progetto diverso da fare insieme". Don Rigoldi ha poi spiegato di "avere visto molti ragazzi cambiare, anche Latin Kings diventare volontari. Ma per far accadere questo, è necessario esserci, occuparsene".
MilanoToday – 4 dicembre 2014 

Nessun commento:

Posta un commento