lunedì 5 gennaio 2015

Cari tutti,




reduce da un incontro col Don a cui abbiam preso parte con Sergio, vorremmo condividere con Voi un paio di punti di grande importanza per la vita di Comunità. 

CORSO DI FORMAZIONE
Primo fra tutti il desiderio di Franco di avviare un percorso di “FORMAZIONE ALLA VITA COMUNITARIA” a cui possano prender parte coloro i quali sentano il desiderio di partecipare sempre più attivamente al cammino di fede che portiamo avanti da un bel po’ di tempo adesso. E dico questo con grande gioia. La Comunità è cresciuta negli anni, qualche semino ha iniziato a germogliare (pensate al Blog che sembrava impresa ardua ed invece si arricchisce continuamente), gli incontri mensili son occasioni di condivisione e di confronto, a mio parere, molto costruttivo nonché di conoscenza (con la scelta di temi che solitamente non capita di trattare nella quotidianità).
E’ una bella realtà che stiamo costruendo con pazienza, lentamente e grazie alla presenza di una figura carismatica come quella di Franco, un padre spirituale credo, per la maggior parte di noi. Ma nessuno è eterno lo sappiamo e le Comunità, senza una guida, si spengono presto. E questo è risultato evidente  dall’incontro delle Comunità di Base a cui ha preso parte il Don.  Piccoli gruppi che sopravvivono con pochi elementi. Dove non ci siano delle persone che in qualche modo assumano un servizio pastorale, che si prendano cura degli altri, in un’ottica più ampia, di ascolto, di preghiera, di studio, di accompagnamento continui, è naturale che gli spiriti pian piano si smorzino.
Forte è quindi l’esigenza di preparare degli individui che vengano poi RICONOSCIUTI, dopo un cammino di formazione,  per un ruolo di “ANIMATORE della Comunità”. Uomini e donne animate da passione, competenza e virtù.  “Gesù era un leader dotato di carisma, in grado di risvegliare sempre nei suoi compagni esigenze e desideri che non sapevano di avere o che percepivano confusamente. Il suo messaggio attirava grandi masse tra cui figure di rilievo. Ciò spiega il fatto che dopo la sua morte, i compagni abbiano reinterpretato il suo messaggio in modo personale. La sua posizione rimaneva però, senza dubbio, autorevole.  ” (La Morte di Gesù, Destro – Pesce). Senza una guida carismatica nessun movimento della storia sarebbe esistito.
In fondo è quello che abbiamo sempre sognato, una chiesa di uomini e donne in cui i ministeri vengano riconosciuti dall’intera Comunità.
Quindi, per chi sentisse il desiderio di prender parte a questi incontri, che avesse la voglia di implementare il proprio cammino di fede impegnandosi nel confronto, nella preparazione personale, strumenti che potrebbero risultare importanti nella vita quotidiana di ognuno di noi, anche aldilà della vita di Comunità, potrà prenderne parte a partire dal 7 febbraio anno corrente, alle ore 10.00 nella Casa dell’Ascolto, in Via Città di Gap, 13 – Pinerolo. Questa sarebbe la prima data utile, le seguenti potranno essere scelte, dal gruppo, in base alle esigenze della maggioranza.
Si consiglia la lettura di due testi interessantissimi di un teologo protestante che bisogna però riuscire ad avere al più presto in quanto pubblicati di malumore dalla Claudiana, verranno ben presto ritirati:
-          Parlare di Dio, Gounelle – Claudiana.
-          Parlare di Cristo, Gounelle – Claudiana.
-           

CANONE PER IL PROSSIMO INCONTRO

Per il prossimo incontro di Comunità viene confermato il tema della Bioetica e nello specifico parleremo dell’ Initium vitae, identificato col momento della nascita, come se ciò che precede questo momento non fosse vita. Questo pensiero è estremamente pregno di conseguenze poiché se la vita è quella che inizia con la nascita, il tempo trascorso in utero non è vita, è preparazione alla vita e quindi degno di rispetto ed attenzione ma non è di per se stesso sacro come la vita. Sopprimere un feto, ad esempio, non è come sopprimere un bambino. Nasce qui un problema di etica morale che ci fa giungere a conclusioni molto differenti su cui sarà costruttivo confrontarsi.
Nella prossima mail, inoltrerò un documento che ci permetterà di calarci nel tema. Per chi ne fosse in possesso, si consiglia anche la lettura dei libri di Giannino Piana o del Sindaco Marino, sulla Bioetica.
Ricordo che il canone viene creato grazie ai contributi di ognuno di noi, una frase, una preghiera, una riflessione, che saranno raccolti fino alla domenica precedente quella di Comunità per aver poi il tempo di aggregare e stampare il tutto.
Vorrei lasciarvi col Salmo 23, che trovo di una bellezza infinita.

Salmo Di Davide
Il Signore è il mio pastore: non manco di nulla; su pascoli erbosi mi fa riposare, ad acque tranquille mi conduce.
Mi rinfranca, mi guida per il giusto cammino, per amore del suo nome.
Se dovessi camminare in una valle oscura, non temerei alcun male, perché tu sei con me. Il tuo bastone e il tuo vincastro mi danno sicurezza.
Davanti a me tu prepari una mensa sotto gli occhi dei miei nemici; cospargi di olio il mio capo. Il mio calice trabocca.
Felicità e grazia mi saranno compagne tutti i giorni della mia vita, e abiterò nella casa del Signore per lunghissimi anni. »

Nessun commento:

Posta un commento