mercoledì 25 marzo 2015

Preghiera del corpo

Un giorno, un povero saltimbanco si ritrovò in una stuopenda cattedrale. Davanti ad un magnifco crocifisso si sentì di dover recitare delle preghiere, ma per quanti sforzi operasse su se stesso , non se le ricordava. Non era avulso alla preghiera e non aveva mai dedicato un grazie a Dio in nessun momento della vita.
Ma ora, in quella chiesa, con quelle candele accese, con l'incenso e il Crocifisso, un impulso irrefrenabile lo avvolse.
Ma come fare per pregare?
Cosa sapeva fare? DAnzare! E allora, per tutto il giorno e la notte danzò come mai aveva fatto davanti al Cristo in croce.
Al mattino lo trovarono spossato e quasi svenuto ma con un sorriso meraviglioso sul viso...e a ben vedere, anche il Cristo aveva un leggero sorriso disegnato dulle labbra....nessuno l'aveva notato?


Pregare è anche fare quello che stiamo facendo dedicandolo a Dio. Emanuela

http://parliamoitaliano.altervista.org/wp-content/uploads/buffone2.jpg

Nessun commento:

Posta un commento