martedì 25 agosto 2015

Concordiamo pienamente


La Comunità Cristiana di Base di Oregina di Genova ha scritto la seguente lettera a Papa Francesco, è stata pubblicata sul sito delle Comunità Cristiane di Base e la riportiamo anche sul blog della Comunità nascente perché concordiamo pienamente.

Caro Francesco, Vescovo di Roma
ricordiamo le tue parole per don Giuseppe Puglisi, parroco di Brancaccio, che è stato un «esempio da seguire nell'affermare i valori umani e cristiani contro chi li calpesta con la criminalità».
Ti chiediamo perciò di considerare se non sia opportuno rimuovere don Giancarlo Manieri, il parroco di Don Bosco a Cinecittà, per il suo comportamento lontano dagli esempi che altri preti come don Puglisi hanno dato e stanno danno nel mondo.
Don Giancarlo Manieri potrebbe avere l'occasione di riscattarsi operando da missionario salesiano là dove i cattolici sono minoranza oppressa e perseguitata, per osservare e comprendere la realtà oltre le strette mura della parrocchia.
E’ anche urgente che, per dare forza ai singoli preti, sia da te chiarito e sancito che i funerali dei boss, dei malavitosi, dei delinquenti, qualora questi non abbiano riconosciuto pubblicamente il male operato, non debbano più essere celebrati in chiesa, ovunque essa sia, perché essi sono una concreta contro-testimonianza del messaggio evangelico che è messaggio di rispetto per la vita contro ogni forma di criminalità ed in particolar modo quella mafiosa.

Comunità Cristiana di Base di Oregina di Genova

Nessun commento:

Posta un commento