sabato 30 gennaio 2016

Anna Campora

Contributo della cara Anna:

Quanti rami, quanti fiori sono sbocciati in questi già tanti anni di vita, ogni albero che cresce ha bisogno di qualche potatura, a volte qualche ramo si stacca e lascia spazio, ma il radicamento permette nuova vita, importante è accettare i momenti di lenta ripresa o apparentemente meno incoraggianti.

Il futuro di una comunità è affidato alla libertà di entrare e uscire, di tornare, di accogliere e dare posto, di sostenere senza pretendere, di proporre senza timori, di esporsi e ascoltare le tante diversità.

Posso dire questo io che ho partecipato alla partenza del  piccolo gruppo originario, ma forse ho creduto poco al suo futuro, mi sono arresa, sono tornata dopo qualche anno, anche se solo parzialmente e mi sono trovata con sorpresa, in un gruppo arricchito come persone e idee, pronto ad accettare sfide e a mettersi in gioco, dove soprattutto ognuno può trovarsi a suo agio.

Ho capito che avevo preteso di prevedere un futuro della Comunità, che non accettavo di mettere in discussione un modello, almeno pensavo che si potesse dare un’identità più precisa e qui è stato il mio errore. Ho capito invece quanto conti la fiducia in un futuro aperto, in sentieri che via via provi a percorrere, quanto sia importante tenere finestre aperte al vento di Dio e alle voci degli uomini, costruire qualche piccolo ponte, ma soprattutto quanto conti non dare definizioni identitarie o precostituite al gruppo.

Per pensare al futuro concreto (progetti, strategie), ho parlato del passato e l’ho fatto anche perché ho ritenuto fosse la mia parte.

 

In tempi di stagnazione, regressioni e sbandamenti a tanti livelli, voglio esprimere la gratitudine per questo grande piccolo dono di un gruppo, a Torino che, grazie a Franco e a chi  ha creduto con costanza e fiducia nelle persone, riesce ad essere un piccolo spazio illuminato dove la fede può crescere e far crescere in libertà e creatività e dove in questa crescita, se si vuole, non si è lasciati soli

Grazie e buon lavoro

 

Nessun commento:

Posta un commento