martedì 16 febbraio 2016

J. Brown

Sto diventando la donna che volevo, grigia sulle tempie, corpo morbido, felice, modellato dalla vita con una risata che sembra amara ma, il tempo l'ha resa solo più bella. So di essere una sopravvissuta e che posso sopravvivere a tutto ciò che accade. Sto diventando la donna che ho desiderato, l'amante materna con braccia forti e tenere, la figlia che cresce che arrossisce per le sorprese. Sto diventando lune piene e albe. L'ho incontrata diventando questa donna che ho voluto, che conosce se stessa che basta a se stessa, che sa dove sta andando e viaggia con passione. Che si ricorda che è preziosa, e sa che non è limitata - che sa che ha tanto, tanto da condividere.

Nessun commento:

Posta un commento