lunedì 23 maggio 2016

DAL LIBRO "DIO E IL SUO DESTINO" DI VITO MANCUSO

Dio e il suo destino

«Per me, quel Dio degli uomini di chiesa
è morto e sepolto.
Ma sono forse ateo per questo?
Gli uomini di chiesa mi considerano tale,
ma io amo,
e non potrei provare amore
se non vivessi
e se altri non vivessero?
E nella vita c’è qualcosa di misterioso.
Che venga chiamato Dio,
o natura umana, o altro,
è cosa che non riesco a definire chiaramente,
anche se mi rendo conto che è viva e reale,
e che è Dio o un suo equivalente».

Vincent van Gogh, 21 dicembre 1881

Nessun commento:

Posta un commento