giovedì 16 febbraio 2017

Giovedì 16 in piazza Castello verrà acceso il Falò delle libertà

La Chiesa valdese di Torino comunica che giovedì 16 febbraio alle ore 20 in piazza Castello a Torino verrà acceso, per la prima volta nel centro della città, il Falò della libertà che ricorda la concessione dei diritti civili ai Valdesi e agli Ebrei – una vittoria della civiltà sulla prevaricazione e su ogni pregiudizio. Una vittoria, in una battaglia che non è ancora terminata.

Il 17 Febbraio 1848, Carlo Alberto firmava le lettere patenti con cui si concedevano i diritti civili ai Valdesi e poco dopo, il 29 Marzo, agli Ebrei. Si apriva un’epoca nuova e, dopo secoli di persecuzioni e di umiliazioni, questi cittadini vedevano riconosciuti dignità e diritti. Da allora, il 16 Febbraio, i Valdesi ricordano questo evento accendendo nelle Valli Valdesi fuochi di gioia e di gratitudine. Quest’anno, per la prima volta il Falò della Libertà verrà acceso anche nel cuore della città, in piazza Castello, con il patrocinio del Comune di Torino. È una festa religiosa? I credenti certamente leggono la presenza del Signore anche negli eventi della storia. Ma è soprattutto una festa laica perché riguarda la libertà di tutti e tutte. Infatti, la libertà e il diritto esistono solo laddove questi vengono riconosciuti ad ognuno, senza distinzione di cultura, religione o condizione sociale.

Il cammino per raggiungere questa meta non è ancora terminato e invitiamo la cittadinanza a partecipare a questo momento di gioia e di impegno. Al falò parteciperanno rappresentanti della Chiesa Valdese e della Comunità Ebraica, e autorità della Città di Torino e della Regione Piemonte. Parteciperanno inoltre il Coro Valdese di Torino, il Coro Semincanto, il CoroQ, il Comitato Interfedi del Comune di Torino e coloro che hanno patito o tuttora patiscono l’assenza di diritti: il Coordinamento Pride/LGBT, le associazioni laiche Adelaide Aglietta e Unione Atei Agnostici Razionalisti, l'associazione per i rifugiati Rete SenzAsilo.


La Stampa – 14 febbraio 2017

Nessun commento:

Posta un commento