sabato 22 luglio 2017

VOLTAIRE E IL RAZZISMO

"Come? il turco mio fratello? mio fratello il cinese? il giudeo? il siamese?".
 Era il diciottesimo secolo - e Voltaire faceva il verso ai razzisti di allora, agli eterni pregiudizi, alle radici salde dell'intolleranza. 
"Cadono le braccia a osservare come gli uomini si comportano con gli altri uomini", sì, ma una possibilità di correggersi c'è sempre. "Dobbiamo
lottare contro noi stessi", scriveva in una lettera, commentando con irritazione la frase di chi, arrivato a una certa età, sbotta: "Ormai sono fatto così".
 "Be', vecchio stupido, cerca di cambiare". 
Comincia dalle parole.

Nessun commento:

Posta un commento