giovedì 5 luglio 2018

In Piemonte la Regione dà la pillola anticoncezionale gratuita alle minorenni

Sarà distribuita dai consultori. Polemico il settimanale della Diocesi: "Serve ben altro"
I consultori piemontesi potranno distribuire anticoncenzionali gratuiti alle minorenni, alle donne disoccupate e a quelle non abbienti tra i 26 e i 45 anni. Preservativi, ma soprattutto pillole, spirali, anelli e cerotti a rilascio ormonale utilizzati dalle donne per evitare le gravidanze. La novità è stata inserita nella legge, approvata ieri in consiglio regionale - su proposta di Marco Grimaldi e Silvana Accossato di Leu, della consigliera del Pd, Nadia Conticelli e su sollecitazione dell'associazione femminile "Se non ora quando" - che già prevedeva la possibilità, per le Asl, di trasferire i medici da un presidio all’altro in modo da garantire alle donne il diritto all’aborto.

Seppur non paragonabile con alcune situazioni del Sud, anche il Piemonte, infatti, fa i conti con il numero sempre più alto di medici obiettori e con l’impossibilità per le donne di abortire in alcune zone: a Ciriè, ma anche nel Novarese e nel Verbano Cusio Ossola. La modifica di ieri fa però un passo in più e punta soprattutto sulla prevenzione. Delle gravidanze indesiderate, degli aborti e di quelle situazioni di rischio che si verificano soprattutto tra le giovanissime e nelle categorie sociali più in difficoltà. Un anticoncenzionale femminile costa tra i 15 e i 20 euro e, sostiene Grimaldi, "non dobbiamo mettere le persone nelle condizioni di dover scegliere tra acquistare un anticoncenzionale o dei beni essenziali per la propria famiglia".

Non si tratta, precisano i promotori, di un provvedimento “libertino” per "fare i distributori automatici di pillole", bensì di una misura preventiva, "perché intercettare le ragazze e le donne, può aiutarle a conoscere le opportunità del servizio nazionale, superare alcune rigidità culturali delle famiglie di origine e in generale mettersi nella condizione di scegliere se rischiare o meno una gravidanza, senza dover considerare tra gli aspetti, anche quello economico". Per l’assessore piemontese alla Sanità, Antonio Saitta, "qualsiasi misura che miri alla prevenzione ci vede favorevoli" ha detto ricordando la rete di 180 sportelli a disposizione delle donne in tutto il Piemonte. Per adesso non ci sono previsioni di costi e l’assessore conta che sia il personale medico, dopo aver fotografato la situazione dei consultori, a "indicare a noi politici le esigenze e le migliori modalità di prevenzione".

Saitta ha poi smorzato i toni sulle questioni etiche, ricordando che "su questi temi occorre avere un approccio laico e rispettoso di tutte le posizioni, evitando gli integralismi e le contrapposizioni che non aiutano. Dobbiamo continuare con il rispetto delle sensibilità che ci permetterà di affrontare questioni etiche con moderazione e intelligenza". In effetti sulla questione in Consiglio il dibattito è stato animato. Silvana Accossato di LeU ha ricordato la battaglia femminista del 1978 per ottenere la legge sull’aborto e le due donne della sua famiglie "morte per aborti cladestini come migliaia di altre negli anni prima della 194", mentre il forzista Francesco Graglia ha rivendicato la sua sensibilità cattolica e giurato che mai garantirà "il diritto all’aborto perchè la vita va difesa fin dal suo inizio". Uscita che ha scatenato qualche battuta tra i banchi della maggioranza da parte del consigliere dem Andrea Appiano.

Sulla svolta ha preso posizione anche la Diocesi. "I ragazzi hanno bisogno di ben altro per formarsi a gestire la loro sessualità, considerando quanto le scelte che si fanno negli anni giovanili sono decisive per il resto dell'esistenza. Come pensare che la sessualità sia ridotta a un puro esercizio del piacere fisico o a un campo di sperimentazione e di conquista?".Lo afferma la Voce e il Tempo, settimanale della Diocesi di Torino, commentando l'approvazione della norma che consente la distribuzione gratuita, nei consultori piemontesi, di anticoncezionali alle minorenni.

Nessun commento:

Posta un commento