martedì 3 luglio 2018

Negano l'iscrizione in palestra a un senegalese

"Non abbiamo posti": negano l'iscrizione a un senegalese ma lo danno subito al suo amico italiano - Il gestore della Just Fit di Monselice, in provincia di Padova, seleziona i clienti secondo il colore della pelle: "Tre iscritti su dieci sono stranieri, ma con l’aumento dei clienti di colore sono cresciuti anche i furti"


"NON SONO assolutamente razzista, ma...".  Ed è proprio in quel "ma", la chiave per capire il motivo per cui la palestra Just Fit di Monselice, in Veneto, ha respinto l’iscrizione di un ragazzo africano. "Ma" per il suo amico Umberto, italiano e soprattutto bianco, il posto c’era. "Ho avuto brutte esperienze con utenti di colore e quindi ora faccio selezione", ha spiegato Rodolfo Boetto, gestore dell'impianto sportivo. 

Tutto è nato quando al senegalese Karamba Diouf, 31 anni, non è stato concesso di iscriversi nella palestra "a causa della mancanza di posti disponibili". La 
storia del ragazzo è raccontata dal Mattino di Padova. "Due settimane fa mio cugino è venuto a chiedere a questa palestra se c’era posto per lui - racconta Karamba - Gli è stato risposto che era tutto pieno. Lui parla effettivamente male l’italiano e quindi sono ritornato dopo qualche ora io. Stessa risposta; anzi, mi è stato chiaramente detto che per ‘noi' non c’è posto in palestra", racconta il ragazzo giunto in Italia anni fa e ora operatore di una cooperativa nel campo dell’accoglienza. Quando Karamba si è presentato nuovamente in palestra è stato accolto dal titolare, gestore dell’esercizio da oltre 22 anni, il quale ha fornito una motivazione più articolata: "Questo è un circolo privato e abbiamo solo 200 posti. Al momento è tutto pieno. Quando uno va via, ne può entrare un altro. Se continui lungo questa strada  - ha consigliato l'uomo a Karamba - trovi una palestra che invece apre a tutti".
Dopo aver sentito la conversazione che il giovane senegalese aveva registrato, Alberto Ruggin, esponente di +Europa, collega di lavoro del senegalese, ha quindi pensato di mettere alla prova quanto detto dal titolare. Umberto si è recato in palestra per iscriversi e la risposta ottenuta e registrata è stata un’altra: "Per giugno siamo aperti dalle 10 fino alle 22 dal lunedì al venerdì, ma a luglio gli orari cambiano". E alla domanda se la palestra avesse degli orari di punta da evitare, Boetto ha replicato: "Qui è difficile aspettare! Se ti interessa non occorre avvisare: puoi venire anche domani".

Ma quando l'amico di Karamba ha rivelato i veri motivi delle sue domande, il titolare ha spiegato le ragioni del suo comportamento: "Non chiamatemi razzista. Il 30 per cento dei miei iscritti è straniero e ho anche utenti dalla pelle nera, che vivono qui da tempo, che lavorano e che sono perfettamente integrati. Purtroppo nell’ultimo anno, con l’aumentare di utenti di colore, sono aumentati anche episodi spiacevoli. Ci sono stati furti negli spogliatoi e ho elementi certi per attribuirli a loro. È frustrante perdere clienti in questo modo. Quando entra qualcuno di loro, guardo molto a come si presenta e valuto l’opportunità o meno di iscriverlo".

In ogni caso resta il fatto che la palestra Just Fit era un circolo privato fino a un anno fa, ma, stando a quanto detto da Boetto, da un anno e mezzo sono un’associazione sportiva aperta (quasi) a tutti. 

Nessun commento:

Posta un commento